Loading

IL MIGLIOR GESTIONALE PER L'ODONTOIATRA

BLOG DI DENTO

Conviene essere convenzionati? Vediamo i fatti

Già altre volte ho parlato di convenzioni sul blog, anche con cifre, tanto che nell’agosto 2014 avevo pubblicato questo post:

I vecchi e i proverbi: il tempo è denaro!

e, per questo articolo fui invitato da Unisalute a Bologna, grattacielo Unicredit, ventesimo piano, a parlare con l’allora capo della sezione odontoiatrica Giacomino Vallar. In poco più di un’ora confrontammo dati e statistiche, le mie analisi non discostavano più dell’1% dalle loro…. (si complimentarono….) non capii completamente il senso di quell’invito che, probabilmente, era solo per capire il punto di vista dell’odontoiatra medio.

Quello che apparve chiaro a me, invece, è che l’odontoiatria, libera e bella professione per la quale io avevo passato anni sui libri, era finita. Mi dissero quanti erano gli studi convenzionati, ma mi stupì molto di più quanti erano quelli in attesa di convenzionamento. Era evidente chi aveva in mano tutti gli assi a quel tavolo. La potenza politica ed economica di Unicredit contro una moltitudine di studi odontoiatrici divisi e tesi ad accaparrarsi pazienti a suon di visite e detratrasi gratuite.

E la stangata arrivò puntuale, nel 2016, con decisione unilaterale, come solo le banche e le assicurazioni possono fare, Unisalute abbassò i tariffari degli studi di circa il 30%…..analizziamo con Dento cosa ha significato per i poveri studi convenzionati:

Iniziamo dalle ore lavorate. Dento, a patto di usare l’agenda elettronica consente di sapere quante ore abbiamo lavorato in un periodo e le divide persino per tariffario!

Così scopriamo che nel 2017 sommando i tariffari “Unisalute” e “Unisalute 2016”, lo studio Usoni ha lavorato il 19,8% del tempo per Unisalute (342,5 ore), mentre nel 2018 il 17,2% (340,5 ore). Dento è in grado anche di dirci i costi fissi e variabili di quei periodi, e lo fa istantaneamente (se avete compilato la prima nota cassa banca).

I costi orari fissi del 2017 erano 77,40 euro mentre quelli del 2018 sono stati 77,66 euro. Pertanto sommando i costi dei due periodi abbiamo costi fissi riferiti a Unisalute dal 2017 al 2018 di 52.952,90 euro.

I costi orari variabili del 2017 erano 71,23 euro mentre quelli del 2018 sono stati 73,86 euro pertanto sommando i costi dei due periodi abbiamo costi variabili riferiti a Unisalute dal 2017 al 2018 di 49.545,30 euro.

La somma dei costi fissi e variabili per il periodo 1-1-2017…31-12-2018 riferiti al tempo utilizzato per eseguire i lavori dei pazienti Unisalute sono stati 102.497,70 euro

A questo punto vediamo, sempre con le funzioni di Dento, che fatturato per Unisalute abbiamo avuto per il periodo 1-1-2017…31-12-2018…..e troviamo, udite udite  78.096,59 euro! Vuol dire che io e miei collaboratori abbiamo lavorato 683 ore pari a 85 giorni lavorativi di 8 ore per generare una perdita di 24.401,11 euro! Ottantacinque giorni della nostra unica vita passati a generare una perdita!!!

Vi assicuro che se non avete gli strumenti di misura, non ve ne accorgete. Lavorate come matti, studio pieno e il conto in banca è, se va bene, stazionario. Chi spinge per i convenzionamenti, asserisce che è un sistema per generare nuovi contatti che alimentano il passaparola, falso, è un passaparola legato ai prezzi bassi  e non alla qualità del vostro lavoro, Vi portate in casa solo altra zavorra che affonda il vostro studio.

Naturalmente appena finita questa analisi, a Gennaio ho chiuso con Unisalute, mi rimane solo il FASI come convenzione, ma li il discorso è molto diverso (ma li tengo d’occhio comunque….).

Traete le vostre conclusioni, se siete convenzionati e avete strutture più agili della mia, avrete meno perdite, se usate tempi stretti e “tirate via” sulla qualità del lavoro potreste forse andare in pari (non guadagnare) ma vi sarete relegati in una fascia di odontoiatria di basso livello con una clientela per nulla interessata alla qualità del lavoro ma solo al singolo euro risparmiato.

Termino con un racconto che avvalora tutto quanto detto sopra: ho mandato a tutti i pazienti, dei quali avevo indirizzo mail, l’avviso che non sarei più stato convenzionato con Unisalute. Ho promesso che, ai pazienti Unisalute che fossero rimasti, per un anno avrei adottato il listino Unisalute pre 2016 (quello non decurtato del 30%).

Un paziente, dipendente Unicredit, ha fatto una ablazione successivamente a questo avviso che riferisce però di non aver ricevuto. Ha speso 90 euro ma, visto che non sono più convenzionato, non avrà il rimborso di 90 euro (ha il rimborso del 100% se utilizza strutture convenzionate) ma solo di 72 euro (80% del rimborso perché non sono più convenzionato) perciò ha deciso (unilateralmente deve essere una vizio legato alle assicurazioni) che mi pagherà solo 72 euro! Ma non subito, solo quando avrà ottenuto il rimborso……. e stiamo parlando di una famiglia con una figlia quindicenne che conosco da sette anni con la quale ho fatto una impegnativa ortodonzia fissa e alla quale non facevo pagare le visite di controllo!

Avete, con Dento, la possibilità di analizzare ogni aspetto della nostra professione, usatelo e usate il blog, fate domande qui per conoscere tutti gli aspetti di Dento, anche perché di fare i corsi mi sono stancato.

 

Un’occasione da non perdere per i vostri dati

Il corso del 23 Marzo è una buona occasione per mettere a posto tutte quelle piccole cose che non vanno perfettamente nei vostri programmi.  Al corso sarà presente Sandro Bramati, lo sviluppatore che da sempre mi aiuta nello sviluppo di Dento e, se il numero di iscritti sarà sufficiente, anche Giovanni Panzera, sviluppatore FileMaker, che faranno un check-up dei vostri dati.

Fatturazione elettronica e GDPR ci hanno complicato la vita ma, con le ultime modifiche, abbiamo semplificato la procedura e la generazione dei files xml.

La mattina faremo un ripasso sulle procedure della fatturazione e dei controlli per essere in regola con il GDPR, il resto del tempo sarà dedicato alle vostre domande e alla revisione dei vostri Dento con l’importazione dei dati nell’ultima versione.

Dovrete venire con i vostri computer con all’interno i dati più recenti del vostro Dento, i programmatori controlleranno l’importazione e la coerenza dei dati.

L’iscrizione al corso costa molto meno di quello che paghereste per un intervento dei programmatori!

La sede è la solita in via Benigno Crespi, istituto Artigianelli, il costo e gli ECM sono sempre quelli, iniziamo alle 9, buffet alle 12, termineremo quando avremo soddisfatto tutti……

Perché aspetto sempre prima di caricare una nuova versione

Spesso passa molto tempo prima che una nuova versione corretta di Dento venga resa disponibile per il download, vi spiego il perché copiando pari pari le righe di un bel libro che sto leggendo, “Sviluppo Filemaker Consapevole” di Giulio Villani:

Il debugging deve costituire almeno il 60% del tempo dedicato al progetto. Se non calcoli adeguatamente la percentuale di tempo da tenere libera per il debugging, almeno che tu non sia molto fortunato,  vai incontro a un disastro!

In passato alcuni di voi si sono adoperati sopportandomi nella fase di debugging, il compianto Paolo Gerardo che non è più tra noi, Andrea Maragno che schermata per schermata ha risolto molti errori sui testi delle schermate e apprezzo sempre molto i vostri interventi tesi a migliorare il programma, ma, finché le cose non sono ragionevolmente testate non mi conviene distribuire una nuova versione.

Nel precedente articolo avete visto che abbiamo corretto alcune cose che mi avevate segnalato, cercherò di rendere disponibile per il corso la versione 6.9.3 con le correzioni testate.

PS:

una cosa che mi piacerebbe fare in Dento è una schermata che mi faccia vedere come sono distribuiti i pazienti intorno allo studio, ora è possibile vedere dove abita un paziente, nella stessa schermata sarebbe interessante vedere oltre a lui quanti e quali pazienti sono della stessa zona……oppure vedere i pazienti in un raggio di 500 metri dallo studio con la possibilità di estendere o restringere il raggio……è tempo perso o può avere un senso? Datemi dei pareri, grazie.

Germano

Debug in diretta

Apro questo post che evolverà in mattinata per aggiornarvi sulle correzioni (debug) che stiamo facendo, intervenite pure.

  1. Dento non genera XML  ed esce il messaggio “non si può creare il file su questo disco” succede con filemaker 16 (e non con il 17) ora Sandro sta facendo la patch per correggere—–RISOLTO
  2. Problema con la nota di credito che detrae l’importo del bollo—–RISOLTO
  3. Per facilitare il riconoscimento delle fatture elettroniche da quelle non elettroniche le fatture elettroniche saranno marcate con numero/anno/e (/e sta per elettronica)—–RISOLTO
  4. Dato che le fatture elettroniche non devono essere inviate al MEF per il 730 pre compilato, ora le elettroniche hanno la dicitura “da non inviare” e non vengono conteggiate tra quelle da inviare—–RISOLTO
  5. Temp1: contiene solo un record di agenda senza dati, abbiamo notato che se manca il record fallisce l’importazione, abbiamo aggiunto controlli ma non sappiamo se era quello il problema perchè non siamo riusciti a replicare il fallimento dell’importazione, a noi importa sempre i dati—–CONTROLLATO
  6. Mancata importazione dei numeri civici in anagrafica (nel file temp sono presenti)—–RISOLTO
  7. Ripristinato formato di stampa del preventivo per dente senza importi come in vecchie versioni—–RISOLTO

Indicateci altri punti da correggere prima del corso del 23 marzo!

Germano

Focus sulla fatturazione elettronica con Dento 23-3-2019

Finalmente il provider E20 ha distribuito le mail per il corso di Marzo, per chi non l’avesse ancora ricevuto questo è il link per l’iscrizione:

http://www.e20srl.com/index~phppag,14_id,970.html

Non sarà il classico corso, saranno presenti 2 dei 3 programmatori che curano l’assistenza e potrete, oltre ad avere la versione più aggiornata, chiedere una revisione della vostra copia e correggere le anomalie generate dall’importazione di dati dalle versioni più datate.

Naturalmente i programmatori si fanno “lautamente” pagare e per questo è necessaria una vostra numerosa presenza per coprire le loro spese, quelle del provider, della sala e dello ….scarso…. buffet. I corsi sono l’unica fonte di sostentamento di Dento e considerate che in un anno io ho bisogno di interventi dei programmatori almeno una decina di volte o persino di più, (nei casi in cui il governo si inventa nuove modifiche alla nostra professione).

Potrete esporre i vostri desiderata, consigliare modifiche e far parte attiva della piccola comunità di Dento.

Germano Usoni