Loading

IL MIGLIOR GESTIONALE PER L'ODONTOIATRA

BLOG DI DENTO

Dalla sezione Download scaricate la versione 6.9.1 per Mac

Ho messo il runtime 6.9.1 (sia per Mac che per Win ) nella sezione download per permettere la trasmissione delle fatture al MEF per il 730 pre compilato con il modulo GRATUITO di AlfaDocs.

Con questa versione si possono fare fatture elettroniche di consulenza con o senza IVA e cessione beni.

E’ una versione beta necessita debug…….

Germano

PS: primi bug……ad alcuni colleghi non permette di importare i dati (a me funziona regolarmente) e non importa il numero civico delle anagrafiche dei pazienti…..

Marco Consigliere per l’assistenza di Dento

Fino allo scorso anno l’assistenza di Dento era affidata oltre che a Sandro Bramati anche a COSA, un gruppo di tre programmatori di cui faceva parte Marco Consigliere.

Oggi Marco Consigliere è tornato a rendersi disponibile per l’assistenza di Dento, lo contattate da qui:

info@cmisolutions.com

Grazie Marco!

 

Esportazione al sistema TS con Alfadocs

Dento ora consente di esportare le fatture in formato .txt (per Xdent) .csv (per AlfaDocs.xlxs) e .xlxs (per Microsoft Excel) per consentire l’invio al sistema tessera sanitaria per il 730 pre compilato.

Un ringraziamento al team di AlfaDocs che ha creato un modulo per la trasmissione al MEF completamente gratuito che troverete in questa pagina ad hoc per Dento: https://lp.alfadocs.com/dento-ts

Sul sito trovate la versione (6.9.1 per ora solo per Mac) compatibile con questa nuova funzione di AlfaDocs.

Germano

Corso sulla fatturazione elettronica con Dento 23-3-2019

La fatturazione elettronica ha angosciato me e gli italiani per la seconda parte del 2018 e continua a farlo.

Noi sanitari siamo stati graziati dal garante della privacy per le fatture ai pazienti, ci rimane però l’incombenza delle fatture verso i colleghi, per chi fa consulenze o deve fare fatture con IVA (nel mio caso al provider per i corsi e per chi fa il CTU) e in caso di cessione di beni (vendita dei cespiti).

La versione 6.9 (quella che si scarica ora) di Dento è arrivata il primo Dicembre, finita poche ore prima del corso e non ha ancora le fatture B2B (verso partita IVA) che stiamo completando in questi giorni.

Obbligati dalla fatturazione elettronica, molti utenti Dento che non avevano mai aggiornato, si sono trovati obbligati ad aggiornare la propria versione del programma. Chi ha aggiornato dalle versioni più vecchie ha avuto i maggiori problemi. Gli utenti delle versioni più recenti hanno comunque avuto qualche piccolo bug ad esempio con i numeri civici delle anagrafiche.

Il mio programmatore, Sandro Bramati, non riesce a far fronte a tutte le richieste e allora abbiamo pensato a un corso impostato in modo molto differente rispetto ai precedenti: al corso saranno presenti due programmatori per risolvere i problemi riscontrati dagli utenti.

Il GDPR e la fatturazione elettronica hanno significato per me un grosso impegno economico (solo in piccola parte compensato dal corso di Dicembre) e un enorme dispendio di tempo. Vi chiedo la massima partecipazione al nuovo corso di Marzo che sarà un’occasione unica per mettere a punto la vostra copia di Dento.

I partecipanti dovranno venire con i propri portatili aggiornati almeno alla versione 10.12 di MacOS o con windows 10 a 64 bit, meglio se con una licenza di FileMakerPro 16 o 17 e dovranno avere la versione di lavoro del loro Dento e la versione da cui hanno importato i dati.

Per problemi logistico/organizzativi il numero di partecipanti sarà limitato a 30.

Il corso vero e proprio si svolgerà in un paio d’ore al mattino e sarà imperniato solo sulla fatturazione elettronica per lasciare il massimo tempo ai programmatori e a me per intervenire sui vostri programmi.

Germano

 

Pochi passi per preparare Dento al nuovo anno

Dento è in grado di calcolare gli utili di un prestazione, di un piano di cure e di tutti i piani di cure accettati. Per far questo, dobbiamo fare alcune cose per aggiornare  Dento ad ogni cambio di anno:

Listini

  1. generare il nuovo listino: Impostazioni > tariffario > aggiorna listini > listini > nuovo.
  2. generare i prezzi per il nuovo listino: basta seguire i punti 1,2 e 3 e non serve altro, in caso di dubbi aprite l’help e i mini help. Consiglio di aggiornare, anche in maniera minima, i tariffari di anno in anno. In internet si trovano le variazioni ISTAT che ci possono guidare. Se per qualche anno ce ne dimentichiamo perderemo potere di acquisto.

Costi di gestione

  1. col pulsante + nel portale “costi di gestione al minuto per anno” dovete creare un nuovo record, chiamarlo 2019 e inserire i valori di costi fissi e variabili per minuto. Naturalmente questo è possibile se conoscete il numero di ore lavorate (usando l’agenda) e se avete inserito le spese in prima nota cassa banca. In questo modo gli utili saranno calcolati in modo corretto per tutte le prestazioni eseguite nel 2019. Se siete al primo anno, inserite 1 euro sia come spese fisse che variabili, aggiusterete il tiro il prossimo anno.

Listino di default

  1. Impostazioni > preferenze > impostazioni base: inserite il listino principale. Sarà il listino che viene impostato nell’anagrafica di ogni nuovo paziente.

Listini nei pazienti

  1. Ogni paziente può avere impostato un listino che sarà quello dell’anno in cui è stata inserita l’anagrafica oppure quello di una convenzione. E’ un compito noioso ma andrebbero aggiornati, purtroppo non ho ancora fatto uno script per aggiornare il listino nei pazienti presenti in anagrafica in modo automatico, ora dovreste farlo a mano…….
  2. Attenzione! Ogni nuovo piano di cure di un paziente prende il listino che è impostato nel paziente e non quello di default.

Seguite queste poche regole per tenere aggiornato il programma.

Germano