Loading

IL MIGLIOR GESTIONALE PER L'ODONTOIATRA

BLOG DI DENTO

Analisi di risparmio usando l’impronta digitale

Facciamo due veloci calcoli sul risparmio che si può ottenere facendo l’impronta digitale di un impianto singolo, scelgo questo tipo di prestazione perché ritengo sia quella dove il vantaggio digitale sia più evidente.
La prima banale considerazione è il risparmio del materiale d’impronta, naturalmente darò valori medi, sicuramente non precisi, dipendenti dalla marca del materiale, dagli sconti e dalla tecnica d’impronta ma, quel che conta, è il ragionamento. Usando Impregum con il Pentamix, stimando prezzi Krugg e valutando in 10 (per comodità) le impronte ottenibili da una confezione abbiamo un risparmio di 12 euro e di circa 1 euro per l’alginato. Non dimentichiamo la consegna del lavoro con il Pony, i porta impronte che non tornano e che comunque tornano sporchi, il materiale che scade o che dobbiamo ricordare di acquistare.
La seconda considerazione è il risparmio di tempo, non tengo mai tempi troppo corti in studio, per il mio carattere e per differenziarmi dai supermercati dentali, il tempo che dedico all’impronta è ora di 30 minuti (contro i 60 precedenti) e di 30 per il fissaggio in bocca (contro i 60 precedenti. Sono tempi che reputo abbondanti e variabili da operatore a operatore, resta il fatto che si dimezzano. Si riducono i rifacimenti di impronta e si quasi azzerano i ritocchi alla consegna del lavoro. I costi fissi nel mio studio sono di 94 euro ora!
Terza considerazione i costi di laboratorio, Sviluppo modelli con sistema Giroform, moncone sfilabile, sviluppo antagonista sono 25 euro che non ci sono più. La precisione che si ottiene con il digitale è spettacolare!
Il risparmio stimato è perciò di 13 (impronta) più 94 (tempo) più 25 (laboratorio) per un totale di 132 euro per singolo dente, adattate i valori alle vostre realtà e traete le giuste considerazioni.
Ultima considerazione, mi riferisco a Straumann unica marca che uso in studio, se invece che usare la metodica cementata passiamo a quella avvitata (più comoda, più rispettosa per le mucose, vista la mancanza di cemento, ugualmente estetica se si trasforma il foro della vite in una bella otturazione) risparmiamo altri 150 euro che possiamo giocarci in prezzo più basso a parità di utile o in utile maggiore.
Certo nel conto non dobbiamo dimenticare il costo dello scanner……… quante impronte dovremo fare per ammortizzarlo?

Germano Usoni

Relazione sull’ultimo corso di gestione dello studio dentistico con DentO

Venerdì 11 con 5 iscritti (su un numero massimo di 6) ma solo 4 presenti, si è svolto quello che potremo definire il corso di primavera di Dento. Questa edizione si è svolta nel mio studio, senza invitati, che non erano mai mancati nelle scorse edizioni e con solo utenti esperti, (è il primo della serie con 18 Ecm) Tommaso Marchi da Trento, per la prima volta presente, Andrea Cazzola da Sandrigo che invece è un veterano, sempre più competente, Claudia Sormani da Lodi, utente esperta che in passato ha contribuito all’evoluzione del programma e Michela Biagiotti da Firenze, esperta di gestionali e ricca di spunti per nuove funzioni e modifiche.

Dento non è cambiato quanto avrei voluto ma alcune cose sono state apprezzate, la possibilità di trascinare immagini dalle cartelle del sistema operativo come in tradizione Macintosh, la ricerca di pazienti “scomparsi” e nuovi formati per favorire l’uso di iPad sono stati i più evidenti anche se “sotto il cofano” gli interventi sono stati tanti.

I prossimi interventi sul programma riguarderanno il GDPR, la modulistica aggiornata che sarà messa nel manuale di studio e qualche modifica sulla “Privacy by design” nella quale però Dento è già a buon punto.

Contrariamente alle scorse volte, non verrà messo in rete un nuovo runtime, Dento 6.8.5 rimane solo per i partecipanti al corso e per chi ne farà richiesta (ma deve avere una licenza di FileMakerPro 16) almeno fino a quando sarà pronta una versione per il GDPR.

Germano Usoni

Adempimenti GDPR 2018 registro delle attività svolte in Dento

Il 25 maggio entra il vigore il GDPR: regolamento europeo sulla privacy, da una mail AlfaDocs:

Gli adempimenti richiesti dalla normativa obbligano ad un controllo puntuale di chi accede ai dati dei pazienti, controllo che deve essere testimoniato da un registro delle attività svolte.

Questa funzione è da sempre presente in Dento:

Parlare non basta scriviamo due cifre: l’andamento delle convenzioni

Come feci alcuni anni fa, grazie alle funzioni di Dento, analizzo l’andamento delle convenzioni nel mio studio, inizio con Unisalute che nel 2016 ha abbassato con decisione unilaterale del 30% circa il tariffario:
Come si legge dalla lista  (o dal grafico) il tempo complessivo dei tariffari (chiamati Unisalute e Unisalute 2016) è del 19,9%, considerate 1732,5 ore totali, avremo 344,75 ore lavorate per Unisalute.Dento consente l’analisi dei costi di gestione immediata tramite la tabella sopra a patto di fare la prima nota cassa banca e di usare l’agenda. Considerando che la somma dei costi fissi più costi variabili  (93,60 + 68,40) è di 162,08 euro ora avrò per quelle 344,75 ore 55.877 euro di spesa.Per il listino Unisalute nel 2017 ho fatturato 14.882 euro

Per il listino Unisalute2016 nel 2017 ho fatturato 28.325 euro
La somma del fatturato per Unisalute è 43.207 euro che produce una perdita di 12.670 euro.

Attenti colleghi, molti di voi potranno avere costi di gestione più bassi, come in uno studio mono professionale con una sola segretaria/assistente, magari riuscirete a non andare in perdita, però potrebbe venirvi in mente che 344,75 ore sono circa 15 giorni al mare……. delle vostra unica vita!

Germano Usoni